#Angels4Bologna finalista al premio Bloomberg per una educazione al passo coi tempi Reviewed by Momizat on . Bologna è una delle 21 città europee tra le finaliste della Bloomberg Mayors Challenge 2013-2014: il progetto propone un modello su scala urbana fatto di labora Bologna è una delle 21 città europee tra le finaliste della Bloomberg Mayors Challenge 2013-2014: il progetto propone un modello su scala urbana fatto di labora Rating: 0
You Are Here: Home » progetti » #Angels4Bologna finalista al premio Bloomberg per una educazione al passo coi tempi

#Angels4Bologna finalista al premio Bloomberg per una educazione al passo coi tempi

Bologna è una delle 21 città europee tra le finaliste della Bloomberg Mayors Challenge 2013-2014: il progetto propone un modello su scala urbana fatto di laboratori di educazione informale e impegno civico per prevenire la disoccupazione giovanile insegnando a bambini tra i 6 e i 16 anni imprenditorialità e competenze del XXI secolo.

I NEET (Not (engaged) in Education, Employment or Training) rappresentano oggi un problema globale; a Bologna sono passati dal 9,3% nel 2009 al 13% nel 2012. Dati europei mostrano che l’inattività economica costa all’UE 3 miliardi di euro alla settimana in spese assistenziali e mancata produzione. Tra le cause della disoccupazione giovanile la mancata corrispondenza tra le competenze acquisite a scuola e quelle ricercate dai potenziali datori di lavoro, oltre che uno scarso spirito imprenditoriale, che impediscono ai giovani di avviare una propria impresa.

#Angels4Bologna mira ad evitare che i giovani diventino NEET attraverso misure preventive indirizzate a bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 16 anni.

Per fare questo creeremo ed animeremo una nuovissima “comunità di innovatori” chiamati “angeli”, che comprenderanno 4 tipologie di persone: imprenditori, educatori, hackers e manager di comunità. Gli angeli invaderanno gli spazi tradizionali e romperanno il modo tradizionale di operare, attraverso laboratori di educazione informale promossi nell’ambito di un programma coordinato dalla Municipalità.

La “comunità di angeli” animerà una rete di iniziative, utilizzando piattaforme digitali e spazi pubblici e privati (scuole, aree pubbliche, imprese, laboratori, istituzioni educative e centri di formazione formale e informale) quali ambienti di apprendimento ed aree di co-working, dove organizzare attività di formazione ed educazione informale che coinvolgeranno almeno 1.000 studenti l’anno.

I giovani cittadini incontreranno persone, entreranno a far parte di comunità, svilupperanno competenze e faranno esperienze che normalmente potrebbero fare solo molto più tardi e che consentiranno loro di iniziare a costruire il proprio Curriculum Vitae.

Le imprese potranno assumere persone con le giuste competenze oppure potranno avvalersi di fornitori qualificati. Il settore pubblico potrà risparmiare in costi di assistenza e si creerà un effetto moltiplicatore.

Qui trovate altre info sul progetto con alcune dichiarazioni del Sindaco, la lista delle altre città finaliste e i risultati dei 2 workshop di coprogettazione realizzati nell’ambito del progetto.

Leave a Comment

Scroll to top