Bologna Smart City, lo spazio di condivisione per Smart City Exhibition Reviewed by Momizat on . Uno spazio di condivisione per le idee che cambiano Bologna:  per il terzo anno, dopo le edizioni del 2012 e del 2013, Università di Bologna, ASTER e Comune di Uno spazio di condivisione per le idee che cambiano Bologna:  per il terzo anno, dopo le edizioni del 2012 e del 2013, Università di Bologna, ASTER e Comune di Rating: 0
You Are Here: Home » smartcity » Bologna Smart City, lo spazio di condivisione per Smart City Exhibition

Bologna Smart City, lo spazio di condivisione per Smart City Exhibition

Uno spazio di condivisione per le idee che cambiano Bologna:  per il terzo anno, dopo le edizioni del 2012 e del 2013, Università di Bologna, ASTER e Comune di Bologna partecipano a Smart City Exhibition con un proprio stand aperto alle innovazioni cittadine.

Bologna Smart City

Il 22, 23, 24 ottobre, assieme a Acer, Icie, Aeroporto di Bologna, Engeneering, Coop Adriatica, si parlerà di incubatori pubblici e privati di area metropolitana, sanità, rigenerazione di edifici e codesign delle politiche, ma anche di wifi pubblico, orti, social media e riduzione degli sprechi alimentari: Bologna Smart City si conferma spazio di condivisione di progettualità legate all’approccio smart che, in linea con le avanzate esperienze europee, cercano di valorizzare le conoscenze e le innovazioni tecnologiche per migliorare la qualità di vita delle nostre comunità.

Questo il programma dei 3 giorni:

22 ottobre:

ore 10.00-12.00 Incubatori di area metropolitana

A Bologna si trovano ormai diverse realtà che realizzano percorsi per la creazione di impresa. Quali le differenze e quali i risultati delle diverse esperienze? Partendo dall’esperienza del progetto “le Serre dei Giardini” promosso da Comune di Bologna, Kilowatt, Fondazione Marino Golinelli, Aster, è prevista la partecipazione di realtà pubbliche, private o nate dalla collaborazione pubblico-privata. Intervengono: Irene Mingozzi, EmiliaRomagnaStartup e Aster  – Nicoletta Tranquillo, Unipolideas – Gaspare Caliri, Kilowatt – Giorgia Boldrini, Incredibol e Comune di Bologna -Antonio Danieli – Fondazione Marino Golinelli – Fabrizio Bugamelli, Almacube – Marco Lotito e Antonio Puglisi – TIM #WCAP Accelerator Bologna.

ore 14-15.30 Big data nella Sanità

La quantità di dati generata ogni giorno nel mondo è impressionante e apre possibilità per realizzare nuove analisi ed estrarre nuova informazione, anche in campo sanitario. Esperienze e progetti di Università Engineering Ingegneria Informatica SpA racconteranno dove siamo e le sfide della smart city del futuro. Intervengono: Danilo Montesi, Dipartimento di Informatica – Scienza e Ingegneria, Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Giovanna Carissimi e Giovanni Adinolfi, Engineering Ingegneria Informatica SpA.

ore 15.30-17.00 Citizen focus: dal coinvolgimento alla co-produzione

Co-produzione e coinvolgimento sono le chiavi dei nuovi processi di produzione di valore pubblico. Cosa fare per realizzarli pienamente? Design dei servizi, innovazione sociale, esperimenti di partecipazione attiva: esperienze e progetti si confrontanoIntervengono: Antonio Corradi, Dipartimento di Informatica, Scienza e Ingegneria, Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Francesca Rizzo, Dipartimento di Architettura,  Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Enza Giangreco,Engineering Ingegneria Informatica SpA – Leda Guidi, Comune di Bologna

23 ottobre:

ore 10.00-12.00 Città intelligenti, città sostenibili: la Climate-KIC in Emilia-Romagna

Climate-KIC è il più grande partenariato europeo tra pubblico e privato per l’innovazione  incentrato sulla mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, che riunisce più di 200 soggetti – università, enti di ricerca, aziende e settore pubblico – organizzati in 12 hubs presenti in 10 paesi europei. Attraverso i suoi centri in Europa, sostiene le start-up, riunisce partner su progetti di innovazione e forma le persone, al fine di realizzare una trasformazione delle conoscenze e delle idee in prodotti e servizi che aiutino nella mitigazione e nell’adattamento ai cambiamenti climatici. Climate-KIC è una delle Knowledge Innovation Community (KIC) dell’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT), l’organismo dell’Unione Europea incaricato di creare una crescita sostenibile in Europa cercando di affrontare al contempo le sfide globali del nostro tempo. Durante il workshop verranno presentate le testimonianze dei beneficiari delle azioni Climate-KIC e verrà data una panoramica delle opportunità che la Comunità offre in Emilia-Romagna. Nel workshop, a cura di Aster, si dialogherà di:- Cos’è la Climate-KIC – Transition Cities: i nuovi bandi per prodotti e servizi innovativi- Pioneers Into Practice: ecco gli innovatori per un’economia low-carbon- Education Programme: quale formazione per studenti e professionisti?- Supporto alle Startup: come preparare le imprese verdi di domani. Intervengono: Claudia Carani, AESS — Giovanni Fini, Comune di Bologna- Danila Longo, Dipartimento di Architettura Università di Bologna – Saveria Boulanger, Dipartimento di Architettura Università di Bologna — Nunzia Ciliberti, ASTER/Climate-KIC RIC Emilia-Romagna – Pamela Ragazzi, ASTER/Climate-KIC RIC Emilia-Romagna – Francesca Cappellaro, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali  Università di Bologna- Marco Pollastri, Centro Antartide. Introduce e modera Filippo Saguatti, ASTER/Climate-KIC RIC Emilia-Romagna

12.00-13.00 Il codesign nelle politiche pubbliche

Sperimentare metodologie e strumenti tipici del codesign per un nuovo modo di fare politiche pubbliche: a partire dalle esperienze concrete del Comune di Bologna nell’ambito della nuova rete civica, è possibile progettare una Pubblica Amministrazione digitale e collaborativa? Intervengono: Michele d’Alena, Comune di Bologna – Gaspare Caliri, Snark- Silvia Siviero di Epoca e Francesco D’Onghia dell’Università di Modena e Reggio Emilia

14.00-15.00  WI FI pubblico: il modello Bolognese e la piazza più connessa d’Europa

Connessione wifi in banda ultralarga 24 su 24 senza la necessità di iscrizione, diffusione nei luoghi pubblici della città, nuova tecnologia capace di connettere 500 persone contemporaneamente in Piazza Maggiore. Come si sviluppa il modello del wi-fi del Comune di Bologna? Intervengono: Enrico Torelli e Matteo Melotti, Comune di Bologna – Fabirizio Lo Bianco, Alfacod

15.00-16.00 Sistemi e soluzioni di monitoraggio dei consumi energetici per l’efficientamento  energetico delle reti e degli edifici

Panoramica dell’ambito legislativo, delle norme e delle soluzioni tecnologiche volte a consentire un monitoraggio puntuale ed efficiente dei consumi energetici degli edifici e dei parametri ambientali. Un monitoraggio accurato ed intelligente  è la base di tutte le possibili strategie e politiche di efficientamento energetico.  A cura di CPL Concordia. Intervengono: Emanuele Malavasi e Paolo Barbieri

ore 16.00-18.00 L’innovazione nella gestione dei patrimoni immobiliari pubblici: il modello ACER Bologna

La sessione permetterà di approfondire l’apporto innovativo, nel campo della rigenerazione energetica e nella gestione delle manutenzioni ordinarie di immobili di edilizia residenziale, focalizzando l’attenzione sulle progettualità già avviate da ACER in collaborazione con le amministrazioni comunali. Il modello ACER nel campo della riqualificazione e gestione di immobili pubblici di tipo residenziale garantisce un connubio intelligente tra nuove tecnologie, sostenibilità ambientale, coinvolgimento attivo dei cittadini. Intervengono: Riccardo Malagoli, Assessore Lavori Pubblici, Politiche Abitative e Protezione Civile, Comune di Bologna – Barbara Lo Buono, Assessore alla Coesione sociale e Partecipazione, Comune di Imola – Alfonso Gagliano, ACER della Provincia di Bologna – Andrea Paul Carabalona, Habitech, Distretto Tecnologico Trentino – Simona Tondelli, CIRI- Edilizia e Costruzioni – Università di Bologna -Paolo Bianchi Direttore di Acer Manutenzioni SpA – Modera Marco Marcatili, Nomisma

24 ottobre

11.00-12.00   L’Aeroporto di Bologna e l’innovazione tecnologica al servizio dei passeggeri

Da inizio 2014 i passeggeri in partenza dall’Aeroporto di Bologna effettuano, in modo completamente automatico e secondo procedure self, la lettura della carta d’imbarco e la verifica di dimensioni e peso del bagaglio a mano, con riduzione dei tempi di imbarco. Ciò è possibile grazie all’introduzione di una nuova macchina, chiamata Logiscan, che è stata progettata, brevettata e realizzata proprio dall’Aeroporto in collaborazione con un’azienda bolognese, la Logital, e che ha vinto il “Premio Nazionale per l’Innovazione” promosso dal Governo Italiano per quelle aziende che, sviluppando soluzioni tecnologiche innovative nella fornitura di beni e servizi, contribuiscono all’aumento di competitività del sistema Paese. Intanto, si fanno strada anche il self drop-off e le carte di imbarco su device mobili. Come sarà l’aeroporto del futuro? Intervengono: Silvia Lombardi, Responsabile IT e Innovazione Aeroporto di Bologna – Paolo Barbieri Presidente, Logital – Modera Anna Rita Benassi, Responsabile Comunicazione Esterna Aeroporto di Bologna

12.00-13.00  Rigenerazione smart della città di Bologna

Tre interventi su tre progetti del Comune di Bologna per un nuovo approccio alla rigenerazione della città: una call internazionale, Ortipertutti, per un’agricoltura urbana di nuova generazione; strumenti per un territorio smart: dematerializzazione delle pratiche edilizie/urbanistiche; cittadini e cambiamenti climatici: strategie e azioni condivise per la sicurezza del territorio. Ogni intervento sarà preceduto da un breve video introduttivo a cura di Urban Center Bologna. Intervengono: Giovanni Ginocchini, Urban Center Bologna – Andrea Minghetti, Corrado Sartena, Raffaella Gueze, Giovanni Fini, Comune di Bologna

14.00-16.00 S-Cambia Cibo: urbanistica, ambiente e community per un progetto di foodsharing.

S-Cambia Cibo è una piattaforma on-line di foodsharing per la riduzione dello spreco alimentare domestico attraverso la geolocalizzazione delle eccedenze alimentari: è una grande dispensa collettiva creata dalla collaborazione delle persone che scambiando generano valore economico, ambientale e sociale. Nel laboratorio, promosso dalla cooperativa Resilia con Coop Adriatica, e aperto al contributo di tutti, si rifletterà sulle azioni da intraprendere per lo sviluppo del servizio e sul possibile ruolo dei diversi attori di una città (istituzioni, cittadini, ristoratori, GDO, associazioni ecc.). Intervengono: Ilaria Venturelli e Alessandra Vaccari, Resilia – Giorgio Benassi, Coop Adriatica – Stefano Nafissi, Petricorstudio – Gaelle Ridolfi, Indica – Elena Giuntoli, SocialLab. Dopo gli interventi è prevista una fase laboratoriale

16.30-17.30 La cittadinanza al tempo del web 2.0

Come si informano i cittadini bolognesi attivi su Twitter? Come partecipano alla vita pubblica locale nel tempo del web 2.0 e dei social media? Presentazione della ricerca “Informare, comunicare, partecipare: La cittadinanza nel tempo del web 2.0”, realizzata da un gruppo di studenti del corso di laurea magistrale in Mass Media e Politica dell’Università di Bologna (sede di Forlì) con il coordinamento scientifico di Cristian Vaccari e Augusto Valeriani e la direzione di Laura Lanzillo. Intervengono: Augusto Valeriani, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università di Bologna – Luca Zanelli, Comune di Bologna

Leave a Comment

Scroll to top