Come procede l’Ideario? Reviewed by Momizat on . Giunti al 15 maggio, data di chiusura della consultazione pubblica sull’agenda digitale italiana lanciata dalla cabina di regia per una strategia digitale itali Giunti al 15 maggio, data di chiusura della consultazione pubblica sull’agenda digitale italiana lanciata dalla cabina di regia per una strategia digitale itali Rating:
You Are Here: Home » Blog » Come procede l’Ideario?

Come procede l’Ideario?

Giunti al 15 maggio, data di chiusura della consultazione pubblica sull’agenda digitale italiana lanciata dalla cabina di regia per una strategia digitale italiana, si iniziano a tirare le fila sugli esiti della consultazione social.

Ad oggi sono state inviate all’ideario 285 nuove idee, sono stati registrati 1157 commenti, 7195 voti per un totale di 1810 utenti. Rispetto ai dati diffusi il primo maggio, relativi alla prima settimana di attività dell’ideario, sono state inviate 136 nuove idee, aggiunti 694 commenti, 3902 voti e 1087 nuovi utenti.

Fra i sei gruppi di lavoro in cui era suddivisa la consultazione quelli che hanno raggiunto il maggior numero di idee sono stati e-government e Open Data con 97 idee, Competenze digitali con 58 e Smart cities e communities con 37 idee.

Le idee che sono state maggiormente votate e così salite in cima alla lista, diventando più visibili e con maggior valore all’interno della piattaforma, sono quelle relative ai testi scolastici e alla didattica in cui si propone allo Stato di supportare la creazione piattaforme e ambienti cloud collaborativi per ospitare i contenuti didattici creati e distribuiti in modo aperto e collaborativo. Prima fra tutte qulle legata all’esperienza Book in progress con un punteggio totale di 243, con 324 voti postitivi e 81 negativi: Libri di testo scritti dai docenti in formato cartaceo e digitale con contenuti flessibili e personalizzabili e con il costo complessivo per le famiglie di 35 euro.

Altro tema molto discusso è la richiesta di wi-fi pubblico in tutte le piazze e i luoghi pubblici ( punteggio feedback 125) e la richiesta di definire a livello nazionale uno standard unico di autentificazione per le PA.

Come terzo tema con il punteggio di 88 si trova la piena accessbilità per i disabili agli atti dei pubblici enti, le PA devono cioè fornire servizi e contenuti pienamente accessibili.

Infine reputo interessante una piccola analisi sull pagina facebook di Adi - discussione pubblica sull’agenda digitale. Aperta il 26 aprile, il giorno prima della’pertura dell’ideario, ad oggi conta 163 mi piace. La pagina, pensata come strumento complementare di partecipazione alla piattaforma, non è riuscita a raggiungere la stessa partecipazione ma è riuscita a far sviluppare un dibattito fra la loro community, specialmente con un post di ieri in cui si comunica che domani Mercoledi’ 16 verso le 10 all’evento ForumPA di Roma presenteremo l’Ideario direttamente al Presidente del Consiglio Mario Monti!

Aspettiamo ulteriori sviluppi!

Leave a Comment

Scroll to top