Infomobilità, al via un gioco per conoscerla e migliorarla Reviewed by Momizat on . Testare e imparare a conoscere con un gioco MiMuovoSmart la nuova piattaforma dell’infomobilità del Comune di Bologna, dove è possibile consultare – in tempo re Testare e imparare a conoscere con un gioco MiMuovoSmart la nuova piattaforma dell’infomobilità del Comune di Bologna, dove è possibile consultare – in tempo re Rating:
You Are Here: Home » smartcity » Infomobilità, al via un gioco per conoscerla e migliorarla

Infomobilità, al via un gioco per conoscerla e migliorarla

Infomobilità, al via un gioco per conoscerla e migliorarla

Testare e imparare a conoscere con un gioco MiMuovoSmart la nuova piattaforma dell’infomobilità del Comune di Bologna, dove è possibile consultare – in tempo reale – orari e percorsi dei mezzi pubblici, limitazioni e problemi al traffico, piste ciclabili, disponibilità di parcheggi, avvisi e lavori pubblici e, più in generale, tutto ciò che riguarda la mobilità privata e pubblica cittadina.

Tutti gli interessati sono invitati a testare il sistema informativo MiMuovoSmart, realizzato di recente dal Comune e dalla Regione Emilia-Romagna con il contributo di centinaia di cittadini, nell’ambito del progetto europeo Smartip.

Il gioco è promosso per incentivare per raccogliere dati e indicazioni che permettano di migliorare il servizio.

La piattaforma di infomobilità MiMuovoSmart è il prodotto di un percorso di progettazione partecipata, co-design il termine in inglese, che ha coinvolto lo scorso anno centinaia di cittadini bolognesi ed è stato finalizzato a far emergere bisogni, aspettative e modelli di utilizzo delle nuove tecnologie per realizzare un servizio informativo il più possibile centrato sulle reali esigenze degli utenti.

Il sistema è pensato proprio per diverse tipologie di utenti, dai guidatori, agli utilizzatori dei mezzi pubblici, ai ciclisti, ai pedoni, ed è proprio sulle diverse possibilità di uso da parte loro che è dedicato il gioco. Tutti gli interessati sono invitati a portare a termine dei task, tra cui ad esempio il calcolo di un percorso, la ricerca di parcheggi o itinerari ciclabili, e l’ottenimento di informazioni sui tempi di attesa dei bus, e a segnalarne l’esito con appositi questionari. In particolar modo, lo scopo è far emergere indicazioni sui tempi necessari per il completamento dei task, l’utilità delle informazioni ricevute e le difficoltà riscontrate, in un’ottica finalizzata alla raccolta di dati che possano servire a raffinare e migliorare ulteriormente la piattaforma.

Per ogni singolo task realizzato, i partecipanti al gioco potranno collezionare dei punti, ai quali se ne aggiungeranno altri se si inviteranno amici e contatti a prendere parte al gioco, condividendone la conoscenza sui social media. In palio, per i primi 150 partecipanti che raggiungeranno una soglia minima di punti, un kit premio che sarà messo a punto e distribuito dagli organizzatori dell’iniziative.

Il progetto Smartip

La piattaforma è stata realizzata dal Comune di Bologna e dalla Regione Emilia-Romagna, che ha organizzato il coinvolgimento di centinaia di cittadini bolognesi e il supporto tecnologico della società Engineering, nell’ambito del progetto europeo Smartip, Smart Metropolitan Areas Through Innovation and People, promosso a partire dal 2011 nelle città di Bologna, Colonia, Ghent Manchester e Oulu.

Il progetto è finalizzato alla progettazione di nuovi servizi on line grazie al coinvolgimento attivo dei cittadini (co-design), e a Bologna ha portato alla realizzazione della piattaforma, al termine di un articolato percorso di ascolto e coinvolgimento diretto dei cittadini e dei potenziali utenti, volto a far emergere spunti, indicazioni e desiderata relativi all’uso delle nuove tecnologie per fornire informazioni e dati sulla mobilità.

Dopo la realizzazione del sistema di infomobilità, avvenuta nel 2012, il progetto prosegue ora con l’organizzazione di attività comunicazione volte a promuoverne la conoscenza e l’utilizzo. Tra queste, anche il gioco attualmente in svolgimento, con il quale si punta anche a raccogliere dati e indicazioni per migliorare ulteriormente la piattaforma prima di metterla definitivamente a disposizione dell’intera comunità bolognese.

Leave a Comment

Scroll to top