Un Internet point tra le case Acer di via Agucchi Reviewed by Momizat on . Una sorta di Adsl condominiale tra le case Acer di via Agucchi. Dopo il corso di alfabetizzazione informatica per i residenti (nella foto), in collaborazione co Una sorta di Adsl condominiale tra le case Acer di via Agucchi. Dopo il corso di alfabetizzazione informatica per i residenti (nella foto), in collaborazione co Rating: 0
You Are Here: Home » agendadigitalebo » Un Internet point tra le case Acer di via Agucchi

Un Internet point tra le case Acer di via Agucchi

Una sorta di Adsl condominiale tra le case Acer di via Agucchi.

Dopo il corso di alfabetizzazione informatica per i residenti (nella foto), in collaborazione con l’associazione Informatici Senza Frontiere, ecco che all’interno dello “Spazio comune – Cittadini di Pescarola” arriva anche l’Internet point gratuito (al civico 284 a/b).

Foto del corso

Il progetto, voluto dal Coordinamento Volontariato Lame, che ha in gestione questo centro di aggregazione concesso in uso da Comune e Quartiere Navile, si chiama “Pescarola online” ed è stato finanziato nell’ambito del Bando “Agenda Digitale di Bologna” per valorizzare il concetto di Internet come diritto e ridurre il digital divide soprattutto tra immigrati, disoccupati, casalinghe e persone a basso reddito.

La postazione informatica e l’Internet point (aperto per ora il mercoledì e giovedì dalle 17 alle 19) sono a disposizione di tutti per effettuare ricerche, preparare e stampare il curriculum vitae, leggere i mass media online, accedere alla burocrazia online, scaricare e stampare moduli, controllare la posta elettronica, comunicare con i familiari lontani.

Il corso di alfabetizzazione informatica per adulti, invece, è stato pensato al fine di promuovere la formazione continua, in particolare di chi ha un basso livello di istruzione.

Il progetto “Pescarola online” si rivolge, soprattutto ma non solo, a chi abita negli alloggi di edilizia residenziale pubblica compresi tra le vie Agucchi e Zanardi (circa 500 persone).

Sono stati alcuni di questi cittadini a chiedere, durante un’assemblea pubblica tra i residenti e il Coordinamento Volontariato Lame, l’attivazione di un corso di informatica e la realizzazione di un Internet point. La domanda è stata avanzata anche da alcune donne straniere che frequentano lo “Spazio comune” e che, non avendo dimestichezza né con il pc né con il web, hanno chiesto aiuto ai volontari per iscrivere i propri figli a scuola attraverso la procedura online stabilita dal ministero dell’Istruzione.

Secondo la ricerca “Pescarola non è un’isola”, coordinata da Maurizio Bergamaschi e da Roberta Paltrinieri del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna e realizzata nel 2012 dalle ricercatrici Rachele Lapponi ed Eleonora Venturella, il 29% dei residenti che vivono nel comparto Acer di via Agucchi è straniero, il 32% si colloca nella fascia 0-24 anni e il 58% vi ha avuto accesso per redditi Isee inferiori o uguali a 7.500 euro.

Maggiori informazioni su http://cittadinidipescarola.blogspot.it

Leave a Comment

Scroll to top