Presentazione dell’Action Plan Italiano Reviewed by Momizat on . Il 17 aprile, in linea con i principi dell’Open Government Partnership cui l’Italia ha aderito, è stato presentato all’OGP Annual Meeting a Br Il 17 aprile, in linea con i principi dell’Open Government Partnership cui l’Italia ha aderito, è stato presentato all’OGP Annual Meeting a Br Rating:
You Are Here: Home » Blog » Presentazione dell’Action Plan Italiano

Presentazione dell’Action Plan Italiano

Il 17 aprile, in linea con i principi dell’Open Government Partnership cui l’Italia ha aderito, è stato presentato all’OGP Annual Meeting a Brasilia l’Action Plan Italiano. Ma che cos’è?

L’OPG è un’iniziativa internazionale volta a promuovere la trasparenza dei governi attraverso la partecipazione attiva dei cittadini, delle associazioni di categoria e delle imprese. Il piano Italiano si pone come strategia nazionale per avviare un processo di aggiornamento e di cambiamento delle politiche nell’ambito della trasparenza della Pubblica Amministrazione.

Il documento riassume i passi di riforma avviati negli anni passati come:

  • le iniziative per la trasparenza e l’integrità nella PA (istituzione delle Commissione indipendente per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle PA – CIVIT);
  • azioni di semplificazione della PA attraverso la partecipazione dei citadini come l’istituzione di piattaforme permanenti di consultazione (“Burocrazia: diamoci un taglio”);
  • il coinvolgimento dei cittadini e l’ascolto dell’utenza per migliorare le politiche e i servizi pubblici, nonché per supportare lo sviluppo di una governance sempre più aperta, trasparente e collaborativa (Linea Amica);
  • open Data;
  •  pubblica amministrazione 2.0

Inoltre indica le linee di sviluppo da seguire nei prossimi anni in linea con l’agenda digitale italiana attraverso delle azioni specifiche come ad esempio:

  1. portale della trasparenza che dovrà contenere i piani e le relazioni di performance delle amministrazioni pubbliche;
  2. approvazione di un quadro normativo più efficace per la prevenzione e la lotta alla corruzione nella PA;
  3. Inserimento di elemnti di facilitazione alla pubblicazione e riutilizzo dei dati pubblici;
  4. potenziare il portale nazionale dei dati aperti www.dati.gov.it;
  5. un contest nazionale per il riuso creativo dei dati pubblici;
  6. stesura del Piano nazionale per le smart communities;
  7. diffusione degli strumenti di e-Gov.

La consultazione al documento è aperta ed è possibile commentare fino al 27 Aprile.

Leave a Comment

Scroll to top