Quale contributo del Terzo Settore all’Agenda Digitale del Comune di Bologna? Reviewed by Momizat on . Presentazione dell’indagine realizzata da Bandieragialla giovedì 18 ottobre alle ore 18 all’Urban Center di Palazzo D’Accursio. BandieraGialla, associazione di Presentazione dell’indagine realizzata da Bandieragialla giovedì 18 ottobre alle ore 18 all’Urban Center di Palazzo D’Accursio. BandieraGialla, associazione di Rating:
You Are Here: Home » Blog » Quale contributo del Terzo Settore all’Agenda Digitale del Comune di Bologna?

Quale contributo del Terzo Settore all’Agenda Digitale del Comune di Bologna?

Presentazione dell’indagine realizzata da Bandieragialla giovedì 18 ottobre alle ore 18 all’Urban Center di Palazzo D’Accursio.

BandieraGialla, associazione di promozione sociale, impegnata da anni in un lavoro di comunicazione on line rivolta al Terzo Settore, all’interno delle attività inerenti all’Agenda Digitale del Comune di Bologna, ha realizzato un’inchiesta sul tipo di partecipazione alla conversazione digitale locale che il Terzo Settore sta dando. Il lavoro è stato realizzato tramite una serie d’interviste  che hanno coinvolto personaggi istituzionali, rappresentanti di gruppi del Terzo settore, specialisti di comunicazione digitale.
L’indagine sarà presentata giovedì 18 ottobre alle ore 18 presso l’Urban Center (Salaborsa – Piazza Nettuno, 3) a Bologna.

All’incontro parteciperanno Matteo Lepore – Assessore all’Innovazione del Comune di Bologna, Lucia Mazzoni – membro del Comitato Scientifico Agenda Digitale, Nicola Rabbi – direttore di BandieraGialla, Edoardo Dusi – presidente dell’associazione Webforall, Letizia Melchiorre – SocialLab, Luca De Paoli – portavoce del Forum Terzo Settore di Bologna, Carlo Gubitosa – giornalista digitale, Marco Trotta – garante della partecipazione per l’Agenda Digitale di Bologna.

L’indagine, che sarà resa pubblica in quell’occasione, ha cercato di dare una risposta alle seguenti domande:
– Come includere quei gruppi del Terzo Settore che per motivi anagrafici e culturali hanno un uso ridotto della rete?
– Quali sono le differenze culturali e valoriali tra le associazioni “classiche” e quelle formate da gente più giovane e centrate sulle tecnologie digitali?
– Come superare il digital divide nel Terzo Settore sia nel senso di un semplice accesso alla rete che in quello di una cultura telematica adeguata?
– Che tipo di partecipazione può assicurare il digitale al Terzo Settore, quale equilibrio tra la partecipazione telematica e quella fisica?

Per informazioni:
redazione@bandieragialla.it
Cell. 349/640.42.86

La foto viene da qui

Leave a Comment

Scroll to top